L’Art Decò di Tamara De Lempicka ispira la nuova collezione di Giada Curti.

GIADA CURTI

presenta

COLLEZIONE AUTUNNO/INVERNO 2011-2012

Libera di essere Divina

Domenica 10 Luglio 2011 – ore 21.00

Rampa Mignanelli

Roma

 

A bordo della sua Bugatti verde, libera di essere “divina”. E’ il tributo a Tamara De Lempicka quello della stilista Giada Curti per la nuova Collezione Autunno/Inverno 2011/12. E un omaggio alla Capitale, poiché per la sfilata inserita nel calendario ufficiale di Altaroma – prevista per domenica 10 luglio alle ore 21.00 – è stata scelta la romantica scala barocca di Rampa Mignanelli, sulla quale si affaccia l’Atelier Giada Curti, recentemente inaugurato.

 

“Mi piaceva uscire la sera e avere un bell’uomo al mio fianco” – affermava la Lempicka – “che mi diceva quanto ero bella e quanto grande era la mia arte”. La stilista romana rievoca l’affascinante premiere dame degli anni ’30 dallo sguardo altezzoso che personifica una femminilità d’avanguardia, apolide protagonista della mondanità, erotica e spirituale al contempo, enigmatica fino al punto di sembrare ambigua, modello irraggiungibile di bellezza e aristocrazia. Sfila una collezione ispirata dalla visita alla grande esposizione delle opere della “pittrice del moderno” presso il Museo del Vittoriano.

Giada Curti re-inventa, così, lo stile Art Decò per il corpo femminile: plasma satin, douchesse e organza in technicolor nelle nuance del verde salvia, marrone cacao e del caldo viola alessandrite. Venti abiti da grande soirée con sovrapposizioni di tulle ricamati con pizzi francesi, intarsi di crine e rouche, drappeggi couture, nuovi volumi, tagli diversi per silhouette sofisticate dalle trasparenze seducenti. Charme provocatorio grazie a décolleté che inquadrano il viso, imponenti panneggi in tulle che danno l’illusione di un corpo fluttuante. Predomina il nero – lucido e opaco – elegante, superbo, impreziosito da ricami in swarovski e pietre dure.

Una collezione autunno/inverno per moderne regine dalle labbra rosso profondo come le donne amate dalla stravagante protagonista della mondanità europea, interpreti di un glamour algido e perfetto, incontaminate dalla realtà, quasi irraggiungibili.

Quasi prossima ad una seconda emancipazione femminile, la sposa di Giada Curti manifesta la voglia d’indipendenza e il rifiuto di ogni cliché, ma recupera la tradizione del pizzo bianco avorio.

 

“La moda è donna, sempre” – conclude la stilista – “Non teme pregiudizi, né può essere vittima di allusioni equivoche. E’ portavoce di libera femminilità”.

Media Partner: Woman & Bride

 Ufficio Stampa

Emilio Sturla Furnò
tel +39 340 4050400 - emyesse@yahoo.it - info@emiliosturlafurno.it

Informazioni su fashionmax


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: