A Palazzo Re Enzo sfilano le eccellenze della Moda Sposa per l’Oncologia Addarii.

Abiti Cerimonia, Abiti Sposa, Alta gastronomia, banqueting, Capsule Collection, catering, cinema, Cocktail, Collezioni, Cultura, Eventi, Fashion, Location, luxury, Matrimonio, Milano, Moda, Presentazione, solidarietà, stilisti, VIP, wedding planner, Woman & Bride

Grande successo a Bologna  per l’evento charity magistralmente organizzato da Anna Maria Nigro deliziosa padrona di casa e anima del progetto Araba Fenice, per raccogliere fondi in favore dell’Oncologia Addarii ed in memoria della giornalista Loredana Ranni, recentemente scomparsa.

Tantissimi gli ospiti presenti a Palazzo Re Enzo, a Bologna per l’importante evento benefico “ARABA FENICE per Oncologia ADDARII”, organizzato da Anna Maria Nigro, direttore artistico ed anima del progetto che nasce da due donne, due grandi amiche, che hanno condiviso un comune percorso, quello della lotta contro il cancro: Loredana Ranni, giornalista e scrittrice recentemente scomparsa, ed Anna Maria Nigro che ha fortemente voluto questa iniziativa, trasmettendo la sua energia e la forza con cui ha realizzato l’evento ai numerosi invitati tra i quali  il sovrintendente alla Scala Alexander Pereira con la compagna, la stilista Daniela De Souza, gli stilisti Peter Langner e Alessandra Rinaudo, Jun Ichikawa, fantastica protagonista del filmCantando dietro i Paraventi” di Ermanno Olmi, Eliana Miglio, musa di Pupi Avati, la cantantautrice e conduttrice Silvia Salemi, la conduttrice Emanuela Gentilin, la blogger e opinionistaCamilla Lucchi e l’attore Francesco Butteri, visto nella fiction “Non dirlo al tuo capo 2” e nel film “Nato a Casal di Principe”

Un evento nato, quindi, da un vissuto personale e dal desiderio di dare la meritata visibilità ad un centro oncologico d’eccellenza. L’Oncologia Addarii, infatti, con i suoi oltre 60 anni di storia è un punto di riferimento per tutte le donne colpite da tumori alla mammella e ginecologici, magistralmente presieduto dal Prof. Claudio Zamagni che, dopo i commoventi ringraziamenti di Anna Maria Nigro, che ha ricordato la figura di Loredana Ranni, ha aperto la serata con un interessante intervento sulla storia e sulle attività di questa eccellente Istituzione medica. A seguire, una cena gourmet firmata dallo chef Riccardo Facchini,  accompagnata dall’intrattenimento musicale di Valerio Pontrandolfo Quintet con Jimmy Villotti e Greg Hutchinson che ha fatto da sottofondo ad una elegante sfilata, condotta dal giornalista Ivan Damiano Rota, che ha visto protagonisti sognanti abiti da sposa. Preziose creazioni realizzate e donate all’Associazione da importanti stilisti e maison di fama internazionale. Gli abiti che hanno sfilato e che sono stati battuti all’asta per la raccolta fondi erano di Antonio Riva, Peter Langner, Antonio Grimaldi Couture, Gianni Molaro, Daniela De Souza, Nicole Sposa creata da Alessandra Rinaudo, Elisabetta Delogu, Tosca Spose, Moreno da Venosa. Anche la stilista Elisabetta Polignano ha contribuito all’evento.

Importante il significato e l’omaggio tributato dal mondo del wedding alla compianta, indimenticata ed indimenticabile giornalista e wedding planner Loredana Ranni. Una grande donna che, con la sua forza, ha contribuito in modo sostanziale alla nascita dell’Associazione Araba Fenice e alla creazione di questa manifestazione della quale, purtroppo, non ha potuto vedere la compiuta realizzazione. L’evento, che sarà organizzato a Milano per la prossima edizione, è stato patrocinato del Comune di Bologna e della Regione Emilia-Romagna ed ha beneficiato di una particolare menzione concessa dal Ministero della Salute, che ha patrocinato il momento di presentazione delle attività dell’Oncologia Addarii, con l’intervento del Professor Claudio Zamagni.

 

I GIOIELLI DI ROBERTO COIN BRILLANO TRA LE STELLE DI ROMA

Abiti Cerimonia, allestimenti, Alta gastronomia, AltaRoma, Arte, Atelier, banqueting, beauty, Capsule Collection, catering, Cocktail, Collezioni, Cultura, Eventi, Fashion, Festa, Gioielleria, Installazioni, Location, luxury, Magazine, Matrimonio, Moda, Mostre, Presentazione, Roma, stilisti, Vernissage, VIP

 

Il 2 Dicembre, nella nuovissima e futuristica “ Lanterna di Fuksas”, ha avuto luogo la presentazione dei gioielli delle collezioni natalizie firmate Roberto Coin.

Una esposizione esclusiva sia per la location, la nuova architettura dello studio Fuksas ridefinisce in chiave contemporanea l’intero paesaggio urbano del centro di Roma, che per la modalità di presentazione dei gioielli, allestita in delicate campane di vetro illuminate e distribuite nello spazio della terrazza, creando ognuna un diverso concetto e raccontando insieme una storia unica di creatività. Roberto Coin è considerato l’artefice di molti tra i più famosi trend del mondo del gioiello degli ultimi decenni, le sue creazioni nascono dal desiderio di sperimentare luce, forma e colori. La sua sconfinata creatività viene interpretata attraverso le mani dei migliori artigiani italiani del gioiello, a formare vere e proprie opere d’arte e di sentimento.

La firma magica del rubino, incastonato e nascosto in ogni gioiello del brand come una dedica segreta, contribuisce a fare di Roberto Coin uno dei designer più amati dalle donne di tutto il mondo.

Il brand conta oltre 1000 punti vendita distribuiti in 62 paesi del mondo e ogni anno viene scelto da numerose star internazionali per calcare i più famosi red carpet del cinema e della televisione, sia per la bellezza delle sue creazioni che per la promozione di un lusso responsabile di cui il brand è divenuto negli anni simbolo.

Per il primo brindisi di Natale sotto le stelle di Roma, i gioielli di Roberto Coin hanno illuminato il cielo della Capitale,  con la preziosa collaborazione di Antonio Grimaldi, Odile Orsi di Mutadesign e Marco Gentile.

COLLEZIONI

ARABIAN HORSE LIMITED EDITION COLLECTION

Un animale fiero e bello tanto da incantare, elegante e dalle linee perfette. Nato per il deserto e per le grandi avventure. Una collezione in edizione limitata, solo per anime coraggiose e libere.

BLACK JADE

La più affascinante giada nera è protagonista della collezione Black Jade. Il design di ogni pezzo custodisce il sapore di una femminilità intramontabile dal gusto vintage, mentre la giada nera e l’agata verde, con i loro diversi tagli e colori definiti, seguono il filo concettuale del glamour moderno. Una linea prêtàporter nella quale la semplicità delle forme e lo stile originale giocano una partita senza tempo, basata solo sull’eleganza.

CENTO

Un diamante rivoluzionario caratterizzato da un taglio a 100 facce al posto delle normali 57/58. Una luce inedita e indimenticabile ad effetto caleidoscopio accompagnata da design morbidi e lineari.

GARDEN

Il fascino eterno del giardino segreto reinterpretato da Roberto Coin attraverso la Collezione Garden. Capolavori che riportano l’immaginazione verso mondi incantati, coraggiosi e originali, in grado di ammaliare lo sguardo attraverso dettagli preziosi ed inconsueti. L’oro e le pietre si mescolano e si celebrano l’un l’altro. Mentre curiose creature si celano tra i minuziosi particolari, come attratte anch’esse dalla curiosità di un’eleganza inedita, raccontata attraverso la bellezza della natura.

UNIQUE COLLECTION

Irripetibili, espressione assoluta della creatività e del mood di Roberto Coin. Esclusivi incontri di tradizione e innovazione, di antico e moderno e quintessenza di stile e sentimento. Semplicemente irresistibili e originali … semplicemente unici.

POIS MOI COLLECTION

Pois Moi Collection è una delle linee più incisive ed eleganti del mondo Roberto Coin. Premiata durante gli ultimi International Palladio Awards come la migliore collezione italiana di gioielli nel mondo, amata dalle star internazionali e dagli appassionati, Pois Moi Collection è ormai considerata la nuova icona del brand. La prima versione propone l’oro come protagonista assoluto declinato nei tre colori giallo, bianco e rosa, seguita poi dalla versione Haute Couture rivestita da un esclusivo pavé di diamanti. Il pattern è ultra moderno, riprodotto in un design dal sapore retrò ispirato al trend “television shape “ degli anni ’50 , un incontro prezioso tra moda vintage e contemporanea. Non solo un gioiello ma un vero e proprio nuovo mood, raffinato, avant garde e dal carattere già eterno.

SCORPION

Scorpion è un gioiello dedicato ad una personalità forte ed attraente, e molto più di altri gioielli della collezione Animalier sottende ad un messaggio ben preciso. Con questa sorta di gioiello talismano, Roberto Coin dimostra un profondo rispetto nei confronti di un animale caratterizzato dal fatto di essere tanto schivo e riservato quanto battagliero ed ostinato se provocato.

SHANGAI

Con questa collezione Roberto Coin dimostra ancora una volta la propria sensibilità nel percepire in anticipo le nuove tendenze. Un autentico inno al colore e alla fantasia, un nuovo concetto di glamour da sapore asiatico, capace di giocare con la moda internazionale.

THE SIBERIAN TIGERS

La più alta arte manifatturiera e l’ inconfondibile creatività di Roberto Coin ancora una volta si incontrano per dare vita a “The Siberian Tigers”, esempi assoluti di forza e bellezza della Collezione Animalier. Due gioielli scultura dedicati all’eleganza, la bellezza e il potere che ogni donna porta con sé.

ROBERTO COIN

Via Vittoria, 9 ­ 00187, Roma

Tel: 39 06 32652439

email: press@robertocoin.it

Emergenza Origami: Ora tocca a noi.

Abiti Cerimonia, allestimenti, Arte, Atelier, Cocktail, Cultura, Eventi, Installazioni, Location, luxury, Moda, Mostre, Roma, solidarietà, stilisti, Vernissage, VIP, Woman & Bride

Parte l’ultima fase del progetto: ora l’appello alla generosità si sposta sui collezionisti e sul pubblico, per l’asta del 22 giugno dove si potranno acquistare queste opere straordinarie e preziose.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Ancora volta il mondo dell’arte e della moda  generosi risponde generoso alla chiamata di solidarietà. Oltre settanta – tra artisti, stilisti, designer – hanno accolto la richiesta di donare una creazione ciascuno per “Emergenza Origami” (www.emergenzaorigami.it) – la mostra di opere ispirate agli origami giapponesi – da vendere per un asta benefica il cui ricavato sarà devoluto in favore degli interventi della C.R.I nelle zone colpite dalla recente terremoto.  Doppio appuntamento, quindi,  per presentare le due preziosi collezioni  – abiti, sculture, pitture oggetti di design, monili – esposte in contemporanea  nella Capitale presso la  Centrale Montemartini di Via Ostiense 106 – concessa dall’Assessore alle Politiche Culturali e Centro Storico Dino Gasperini che sostiene l’iniziativa – e Il Margutta RistorArte, lo storico locale della Via delle Arti, che coniuga da oltre trent’anni l’alta cucina vegetariana con l’impegno per divulgare l’arte e l’artigianato.

Accolti dal comitato promotore dell’evento – Francesca Barbi Marinetti, Stefania Giacomini, Emilio Sturla Furnò, Tina Vannini – centinaia di ospiti tra cui anche molti i volti noti hanno attraversato  da un capo all’altro la Città  per visitare  le due esposizioni e presenziare ai cocktail di apertura. Tra gli altri: Linda Batista, Elena Russo, Roberta Beta, Alex Partexano, Maria Grazia Nazzari, Cristian Stelluti, Federico Mollicone, Silvio Di Castro, Alba Russo – sponsor dell’evento con il suo marchio Lady Investigation. Apprezzamento e commozione per i lavori di Giampaolo Addari, Alessandra Argiolas, Matilde Argiolas, Massimo Attardi, Ivan Barlafante, Franca Bernardi, Giorgio Bisanti, Elena Boccoli, Luigi Boille, Vito Bongiorno, Danilo Bucchi, Alessandro Cannistrà, Luisa Canovi, Marco Colletti, Ferdinando Colloca,  Gianluigi Contesini, Publia Cruciani, Massimo Di Cave, Valentina Di Serio, Marco D’Amico, Pablo Echaurren, Carlo Frisardi, Gianpistone, Roberto Gretter, Marco Innocenti, Anna Izzo, Pier Paolo Koss, Giuseppe La Spada, Emilio Leofreddi, Daniele Lombardi, Franco Losvizzero, Giampiero Malgioglio, Rachele Mangraviti, Roberto Mercoldi, Giacomo Miracola, Mauro Molle, Carlo Montesi, Innocenzo Odescalchi, Stefania Orrù, Pierino Pastore, Enrica Prazzoli, Jack Sal, Sinisca, Marco Tamburro, Giampaolo Tomassetti, Gerry Turano, Serge Ubertì, Marco Verrelli, Renato Balestra, Ettore Bilotta, Luigi Borbone, Silva Bruschini, Franco Ciambella, Ludovica Cirillo per ByLudo, Marco Coretti, Giada Curti, Stefano e Cosima D’Inzillo, Fondazione Micol Fontana, Maison Gattinoni, Antonio Grimaldi, Susanna Liso per Le Tartarughe, Franco Litrico, Laura Mancinelli, Antonio Martino, Fabio Salini, Maison Fausto Sarli, Laura Pieralisi, Patrizia Pieroni, Pino Purificato, Marco Ripiccini Lab 123Design, per KOEFIA Andrea D’Elia e Chiara Paioletti, per IED  Alessandra Lupi e Riccardo Mecarini, Sharon Falco, Silvia Gemma, Elena Pierri, Yuxia Wang.

Ma perché “Emergenza Origami”? Vi è una leggenda che narra che chi avesse piegato 1000 senbazuru (gru di carta), esprimendo uno stesso desiderio dopo averne completato ognuno, tale desiderio sarebbe divenuto realtà. Nel 1950 a causa delle radiazioni dovute al bombardamento atomico di Hiroshima una bambina chiamata Sadako Sasaki si ammalò di leucemia. Sadako si ricordò della leggenda e cominciò a piegare origami con il desiderio della propria guarigione. Poi il suo desiderio mutò diventando quello della pace nel mondo. Dopo averne completati 644 Sadako morì. Così gli amici e i compagni di scuola portarono a termine la sua opera offrendola al suo funerale come segno di una volontà condivisa. In seguito venne costruito in sua memoria un monumento a Seattle dove ogni 6 agosto, giornata della pace, migliaia di origami a forma di gru vengono mandati a Hiroshima per essere poi spediti a bambini di tutto il mondo.

I lavori- realizzati e donati sia da artisti noti ed emergenti che da stilisti conosciuti e allievi di accademie di moda, costume e arte – si trovano in mostra dal 13 al 22 giugno, giorno in cui verranno battuti all’asta da Fabrizio Romiti della Casa D’Aste Antonina di Roma – presso la Centrale Montemartini. Il ricavato verrà devoluto interamente alla C.R.I che opera sul territorio colpito dal terremoto con particolare attenzione verso progetti a sostegno soprattutto dei più piccoli.

L’evento gode del patrocinio dell’Ambasciata del Giappone a Roma e della partecipazione di “Adrenalina”, progetto sull’emersione dei giovani talenti artistici promosso dal 2009 dall’Amministrazione capitolina Un doppio appuntamento per presentare il progetto e le due esposizioni .

Emilio Sturla Furnò

+39 340 4050400

emyesse@yahoo.it

Nelle forme degli Origami la solidarietà dell’Arte e della Moda per il Giappone.

allestimenti, Arte, Atelier, Cocktail, Cultura, Eventi, Location, luxury, Moda, Mostre, Roma, solidarietà, stilisti, Vernissage, VIP, Woman & Bride

  

EMERGENZA ORIGAMI

Artisti e stilisti uniti per il Giappone

con il patrocino e il sostegno dell’Assessorato alle

Politiche Culturali e Centro Storico di Roma Capitale

 con il patrocinio dell’Ambasciata del Giappone 

in collaborazione con la Fondazione Italia Giappone

 

Presentazione del progetto 13 giugno 2011 – ore 18.00

Il Margutta RistorArte – Via Margutta 118 – Roma

 

Origami Party 15 giugno 2011 – ore 19.00

Asta 22 giugno 2011 – ore 19.00

Centrale Montemartini – Via Ostiense 106 – Roma

  

ARTISTI: Giampaolo Addari, Alessandra Argiolas, Matilde Argiolas, Massimo Attardi, Ivan Barlafante, Franca Bernardi, Giorgio Bisanti, Elena Boccoli, Luigi Boille, Vito Bongiorno, Danilo Bucchi, Alessandro Cannistrà, Luisa Canovi, Marco Colletti, Ferdinando Colloca,  Gianluigi Contesini, Publia Cruciani, Massimo Di Cave, Valentina Di Serio, Marco D’Amico, Pablo Echaurren, Carlo Frisardi, Giampistone, Roberto Gretter, Marco Innocenti, Anna Izzo, Per Paolo Koss, Giuseppe La Spada, Emilio Leofreddi, Daniele Lombardi, Franco Losvizzero, Rachele Mangraviti, Roberto Mercoldi, Giacomo Miracola, Mauro Molle, Carlo Montesi, Innocenzo Odescalchi, Stefania Orrù, Pierino Pastore, Enrica Prazzoli, Jack Sal, Sinisca, Marco Tamburro, Giampaolo Tomassetti, Gerry Turano, Serge Ubertì, Marco Verrelli.

 STILISTI: Renato Balestra, Ettore Bilotta, Luigi Borbone, Silvia Bruschini, Franco Ciambella, Ludovica Cirillo per ByLudo, Marco Coretti, Giada Curti, Stefano e Cosima D’Inzillo, Fondazione Micol Fontana, Maison Gattinoni, Antonio Grimaldi, Susanna Liso per Le Tartarughe, Luca Litrico, Laura Mancinelli, Antonio Martino, Fabio Salini, Maison Fausto Sarli, Laura Pieralisi, Patrizia Pieroni, Pino Purificato, Marco Ripiccini, per KOEFIA Andrea e Chiara Paoletti, per IED  Alessandra Lupi e Riccardo Mecarini, Sharon Falco, Silvia Gemma, Elena Pierri, Yuxia Wang.

 

Vi è una leggenda che narra che chi avesse piegato 1000 senbazuru (gru di carta), esprimendo uno stesso desiderio dopo averne completato ognuno, tale desiderio sarebbe divenuto realtà. Nel 1950 a causa delle radiazioni dovute al bombardamento atomico di Hiroshima una bambina chiamata Sadako Sasaki si ammalò di leucemia. Sadako si ricordò della leggenda e cominciò a piegare origami con il desiderio della propria guarigione. Poi il suo desiderio mutò diventando quello della pace nel mondo.

Dopo averne completati 644 Sadako morì. Così gli amici e i compagni di scuola portarono a termine la sua opera offrendola al suo funerale come segno di una volontà condivisa.

In seguito venne costruito in sua memoria un monumento a Seattle dove ogni 6 agosto, giornata della pace, migliaia di origami a forma di gru vengono mandati a Hiroshima per essere poi spediti a bambini di tutto il mondo.

Questa storia toccante e simbolo di un Giappone che si rialza da una tragedia di portata planetaria si riaccende di drammatica attualità. La recente catastrofe avvenuta nel Giappone ha colpito profondamente tutto mondo, anche quello della moda e dell’arte, tanto da spingere un team organizzativo che già collabora attivamente su progetti culturali – Francesca Barbi Marinetti, Stefania Giacomini, Emilio Sturla Furnò, Tina Vannini – a ideare l’evento di solidarietà “Emergenza Origami” (www.emergenzaorigami.it).

I creativi sono stati invitati a realizzare una collezione di opere ispirate agli origami a scopo benefico per farne dono per un’esposizione ed un asta il cui ricavato sarà devoluto a favore delle zone colpite dal disastro. Le opere donate da artisti e stilisti sono esposte a Roma presso due sedi tra il 13 e il 22 giugno 2011: la Centrale Montemartini – concessa dall’Assessore alle Politiche Culturali e Centro Storico Dino Gasperini che sostiene l’iniziativa – e Il Margutta RistorArte.

I lavori – realizzati e donati sia da artisti noti ed emergenti che da stilisti conosciuti e allievi di accademie di moda, costume e arte – verranno battuti all’asta da Fabrizio Romiti della Casa D’Aste Antonina di Roma – presso la Centrale Montemartini il 22 giugno. Il ricavato verrà devoluto interamente alla C.R.I che opera sul territorio colpito dal terremoto con particolare attenzione verso progetti a sostegno soprattutto dei più piccoli.

L’evento gode del patrocinio dell’Ambasciata del Giappone a Roma e della partecipazione di “Adrenalina”, progetto sull’emersione dei giovani talenti artistici promosso dal 2009 dall’Amministrazione capitolina.

Ufficio Stampa

Emilio Sturla Furnò +39 340 4050400 emyesse@yahoo.it; info@emiliosturlafurno.it

 

Francesco Barbi Marinetti – D.d’Arte +39 339 8581350 – didartesrl@gmail.com

Stefania Giacomini Coordinamento Moda +39 335 5341445 – ministefi@gmail.com

Tina Vannini – Il Margutta +39 06 32650577 – tina.vannini@gmail.com

www.emergenzaorigami.it