M.I.A. x VERSUS VERSACE: UNA CAPSULE COLLECTION ISPIRATA ALLO SPIRITO RIBELLE DELLA POP STAR

Arte, Atelier, Capsule Collection, Fashion, luxury, Pop Star, VIP

M.I.A. x VERSUS VERSACE

Versus_Versace_X_M_I_A_gif (1)

 

fai click sulla foto e guardala in 3d!

 Versus Versace esplora un nuovo territorio scegliendo M.I.A. per l’inedita capsule collection.

Lo spirito ribelle di una star della musica internazionale si unisce all’attitude di uno dei fashion

brand leader nel mondo.

Versus_Versace_X_M.I.A_1

I 19 pezzi realizzati in collaborazione con la vincitrice del Grammy Award si ispirano a una

serie di copie di Versace trovata nei mercatini di Londra.

Le varianti dei simboli iconici di Versace, quali il logo Medusa e la Greca, si mischiano in

stampe grafiche dall’energia street. Le stampe con i medaglioni oro richiamano la frenesia

tipica delle bancarelle dei bazaar.

Versus_Versace_X_M.I.A_2

La collaborazione di M.I.A. con Versus Versace comprende pezzi per uomo e donna, da TShirt

e jeans stampati a gonne in seta, abiti in jersey e capi spalla ispirati al mondo militare.

La collezione Versus Versace, seasonless e creata per la generazione digital, si arricchisce

con le capsule collection realizzate in collaborazione con personaggi creativi dei più svariati

campi, non solo giovani designers, come provato dalla collaborazione con M.I.A.

Il lancio verrà accompagnato da una campagna digitale GIF ambientata nei mercatini di East

London e vedrà protagonista M.I.A.. Il fotografo è il messicano Jaime Martinez.

M.I.A. x Versus Versace sarà disponibile online e in alcuni store selezionati dal 16 ottobre.

Per maggiori informazioni visitate il sito www.versusversace.com.

“Adoro l’energia della strada, così quando M.I.A. ha proposto di denunciare il tema dei falsi

Versace creando una collezione ispirata ad essi, ho pensato che fosse un’idea incredibile. La

collezione rappresenta tutto ciò che amo del nuovo Versus Versace: è veloce, fa rumore, è

sfacciata e fonde il mondo della musica a quello della moda. Non vedo l’ora di vederla

indossata.” Donatella Versace.

“Il tema dei falsi, di coloro che li producono e li vendono ha sempre fatto parte della cultura di

M.I.A. Quando sono stata contattata da Versace, mi è sembrata un’ottima idea quella di

invertire il giro. Il design di Versace è sempre stato copiato, ora è Versace a copiare il

copiato, così che chi copia dovrà copiare il copiato. Così il giro andrà avanti.” M.I.A.

Il nuovo album Matangi uscirà il 5 Novembre.

NUOVO STORE CONCEPT PARIGINO PER LA BOUTIQUE VERSACE CHE RIAPRE IN AVENUE MONTAIGNE

Arte, Atelier, Cultura, Eventi, Location, luxury, stilisti

Parigi – 16 aprile 2013 – Riapre oggi a Parigi la boutique Versace di Avenue Montaigne, la prima in Europa ad esprimere il nuovo concept Versace pensato da Donatella Versace in collaborazione con l’architetto inglese Jamie Fobert.

Il negozio che si sviluppa su di un’area di 350 metri quadrati, fonde sapientemente opulenza e tradizione architettonica italiana con il dinamismo e l’energia Versace di oggi. Mosaici in marmo, ottone e perspex danno vita ad un ambiente lussuoso e contemporaneo dove presentare le collezioni prêt-à-porter Versace uomo, donna e accessori. Il tutto viene messo in risalto da un esclusivo impianto di illuminotecnica progettato da Thierry Dreyfuss che ha scelto di diffondere la luce dagli espositori di abiti e accessori. Inoltre, in basso o a sospensione, sono state disposte una serie di lampade in ottone dorato, che riflettono i visitatori e gli abiti in un suggestivo effetto specchio.

Luogo di incontro tra passato e futuro, la boutique presenta pavimenti in mosaico ispirati alle chiese bizantine del IX secolo, in contrasto con le pareti in perspex e i ripiani che sembrano aleggiare al di sopra. Il tracciato circolare dei pavimenti a mosaico riprende il movimento delle pareti. L’ottone è il protagonista delle parti in metallo e conferma l’atmosfera di massimo lusso della boutique.

«Adoro il fatto che la nostra boutique in Avenue Montaigne sia la prima in Europa ad essere ristrutturata secondo il nuovo concept Versace. Avenue Montaigne rappresenta il vero centro della moda e quindi la sede ideale per il nostro store. Con questo progetto Jamie Fobert ha creato uno spazio dove nasce il nuovo spirito Versace. Per me la boutique è come un dialogo ininterrotto tra il nostro passato e il nostro futuro, tra me e Jamie Fobert e ovviamente tra Versace e i nostri clienti» afferma Donatella Versace

«Il nuovo concept store Versace si riappropria dell’opulente bellezza dei primi negozi di Gianni Versace, con un senso di ottimismo nei confronti del futuro di Versace, entrato nel nuovo secolo. Si crea una tensione tra gli elementi rivolti al futuro e i pavimenti di antica ispirazione. Pareti dolcemente ricurve e ripiani in intonaco grezzo, circondano tutti questi elementi. L’effetto complessivo è innegabilmente ricco e incredibilmente attuale» dichiara Jamie Fobert.

Versace

45, Avenue Montaigne, 75008 Paris

Press contacts:

Michele Leoni – m.leoni@besidecom.com

Franco Ciambella tra i protagonisti della mostra “60 anni di Made in Italy”

Abiti Cerimonia, Abiti Sposo, allestimenti, AltaRoma, Arte, Atelier, cinema, Cultura, Eventi, Location, luxury, Magazine, Moda, Mostre, Roma, stilisti, Vernissage, VIP, Woman & Bride

Un abito couture firmato Franco Ciambella in esposizione alla Centrale Montemartini per la mostra “60 anni di Made in Italy”

“Il corpo è il palcoscenico su cui si rappresenta, indossando un abito, ciò che ognuno di noi vuole essere.” Questo il concetto base su cui si fonda la moda sognante di Franco Ciambella, che ha messo a disposizione della mostra “60 anni di Made in Italy”, un abito Alta Moda che fece sfilare nel 2003 sulle passerelle di Altaroma.

Indossato anche dall’attrice Elena Sofia Ricci nello stesso anno, quando fu madrina di Miss Italia, l’abito è costruito con tela e stecche visibili, caratterizzato da ampie sovrapposizioni di organza leggera non orlata, sfumata artigianalmente nelle tonalità dell’amaranto e del nero più intenso, che danno vita ad una linea ampia. Un insieme complesso di nuove lavorazioni come le trecce di georgette, un rincorrersi di strati di organza sfilati, lacerati e dipinti per ottenere sia un volume che un effetto piuma. Il bustier è in pizzo chantilly ricamato a mano con cristalli Swarovski multicolore.

La mostra sarà inaugurata a Roma domani alle ore 18.00 presso le sale del suggestivo Museo Centrale Montemartini, dove rimarrà allestita fino al 28 ottobre.

Ideata da StilePromoItalia e curata da Fiorella Galgano ed Alessia Tota, vuole essere soprattutto un omaggio alla genialità di alcuni personaggi, tra i più importanti, che oltre a contribuire alla nascita del Made in Italy, sono riusciti nel tempo ad imporre in tutto il mondo il proprio stile e gusto estetico, determinando quello che oggi è l’inconfondibile “stile italiano”.

 Franco Ciambella, tra i protagonisti di questo importante evento è da sempre interprete e fedele al concetto di “donna plurale” che vuole raccontare con l’abito-emozione in mostra. Nel suo viaggio onirico sospeso tra sacro e profano, infatti, ispira un’intera collezione haute couture alla metamorfosi de “Il lago dei cigni”. Ne esce la visione alchemica doppia di donna/cigno, bianco/nero, Odette/Odile, bene/male, che viene letta dallo stilista come un modo di  rappresentare il cambiamento e divenire altro da sé.

In esposizione le seguenti griffe:

Alta Moda femminile: Renato Balestra, Franco Ciambella, Raffaella Curiel, Marella Ferrera, Sorelle Fontana, Egon Furstenberg, Galitzine, Gattinoni, Lancetti, Antonio Marras, Gai Mattiolo, Lorenzo Riva, Sarli,  Schuberth, Valentino.

Alta Moda maschile: Brioni, Maison Litrico Roma.

Prêt-à-Porter: Emilio Pucci, Walter Albini, Giorgio Armani, Laura Biagiotti, Mariella Burani, Roberta di Camerino, Helietta Caracciolo, Roberto Cavalli, Enrico Coveri, Dolce & Gabbana, Etro, Fendi, Salvatore Ferragamo, Gianfranco Ferrè, Alberta Ferretti, Nazareno Gabrielli, Genny, Gherardini, Gucci, Krizia, La Perla, Max Mara, Missoni, Moschino, Prada, Ermanno Scervino, Luciano Soprani, Trussardi, Versace.

Tra le presenze confermate all’inaugurazione, oltre alle massime rappresentanze capitoline, anche il

Presidente della Camera Nazionale della Moda Italiana, Cav. Mario Boselli e l’attrice Ornella Muti.