FOR WEDDING RADDOPPIA: Grande successo anche a Milano!

Abiti Cerimonia, Abiti Sposa, Abiti Sposo, allestimenti, Arte, Atelier, autonoleggio, banqueting, catering, Cocktail, Cultura, Eventi, Installazioni, Libri, Liste Nozze, Location, location per matrimoni, luxury, Magazine, Matrimonio, Milano, Moda, Roma, Sfilate Sposa, stilisti, Vernissage, VIP, wedding planner, Woman & Bride

Milano, dopo Roma e prima di Verona,  il secondo appuntamento del trittico che il meraviglioso staff di  Forwedding, capitanato da Fabio Ridolfi ha realizzato con grandissima capacità e professionalità.

Questo slideshow richiede JavaScript.

La rassegna dedicata al matrimonio, tenutasi al padiglione 1 del quartiere fieristico Fieramilanocity da venerdì 21 a domenica 23 ottobre,  ha proosto un nuovo concetto di esporre, con  un elegante layout  che, suddividendo il salone in diverse aree tematiche,  ha saputo offrire un ampio punto di vista sul mondo del wedding, contornato da tante iniziative che hanno movimentato le tre giornate di fiera, segnate da un successo di pubblico difficilmente ripetibile.

In un’area centrale, impreziosita da un imponente ed elegante allestimento floreale curato da Scenografie Floreali, protagoniste erano le Maison tra le più importanti della Moda Sposa Nazionale e locale:  Nicole Sposa, Tony Ward, RS Couture, Atelier Aimeé, Elisabetta Polignano, Rovi, Mariage, Anna D’Amato, Mandia e Cioffi, Dolores Tommasi esponevano creazioni delle loro ultime collezioni con tagli, tessuti, forme, colori, decori e geometrie per soddisfare ogni gusto delle future spose mentre tanto rigore e classica eleganza veniva proposta negli impeccabili abiti dalla Sartoria Rossi per lo sposo.

Una zona più raccolta, segnata da geometrie ed architetture eleganti in cui prevalevano le tonalità più chiare, segnava lo spazio espositivo denominato Details for Wedding, destinato ad un’offerta ancora più selezionata di servizi e prodotti offerti in una forma ancora più sofisticata del resto della Fiera; in questo spazio abbiamo ritrovato e salutato con piacere la cara Alessia Mancini, titolare di RSVP, ammirato le atmosfere del lago di Como proposte dal Casta Diva Resort, l’elegante abbinamento di tessuti ed essenze proposta da Alessandra Rinaudo, in una nuvola di morbida organza e seducente fragranza,  i particolarissimi gioielli di carta telata proposti da Opella, gli eleganti origami della paper designer Tiziana Mancini capace di fare qualsiasi cosa partendo dalla carta, le incredibili creazioni floreali di Vincenzo D’Ascanio che con i suoi bouquet, ispirati alle icone femminili, ha fatto sognare tutte le future spose.

E poi la Flower Zone, dedicata al verde, ai fiori alla fantasia di tanti artisti che, armati solo della loro creatività e dei colori dei fiori, hanno proposto allestimenti eleganti e sofisticati o romantici e country in una calda ed accogliente area dove era possibile fare una piacevole sosta nei salottini allestiti  dalla Piccola Bottega dei Grandi Eventi, proponeva  un’area ristoro, con un menù  “condito” da insolite note floreali.

Una enorme Travel Area, gestita da Hotelplan, proponeva numerosissimi stand per ogni tipo di honey moon: crociere, isole deserte, terre lontane, viaggi intorno al mondo, hotel da sogno, spiagge bianche, velieri romantici.

E poi tanti fotografi capaci di differenziare l’offerta con scatti artistici, con l’uso del bianco e nero, del 3D o con scatti da reportage come detta la nuova tendenza, liste nozze in cui oltre ai classici per la casa proposti da Alessi, o alle argenterie ricercate e pregiate dell’Argenteria Boggiali, compaiono oggetti dal design e dalla tecnologia innovativa, confetti  di ogni sapore e bomboniere delle più svariate fogge, ville principesche per ricevimenti eleganti e sofisticati, intrattenimenti musicali dalla classica al pop come quelli proposti dalla Sartoria della Musica, fino ad arrivare alla novità del personal event writing proposto da Serena Colavita per trasformare il matrimonio, ed ogni altro evento della vita,  in un esclusivo  racconto, capace di narrare  le atmosfere di quel giorno e consegnarlo all’eternità.

E poi i principali Magazine di settore tra i quali non poteva mancare WOMAN & BRIDE che nel suo spazio espositivo ha distribuito oltre mille copie della rivista, raccogliendo un unanime consenso di operatori e future spose.

Una menzione particolare merita l’organizzazione: davvero inappuntabile in ogni dettaglio. Una Fiera ben pubblicizzata, ben organizzata, ben allestita e ben gestita.

Trionfa l’Eco-Chic Wedding di Alessandra Puglisi.

Abiti Cerimonia, Abiti Sposa, Abiti Sposo, allestimenti, Atelier, banqueting, catering, Eventi, Liste Nozze, location per matrimoni, Matrimonio, Moda, Sfilate Sposa, wedding planner

Questo slideshow richiede JavaScript.

All’Hotel Intercontinental De La Ville in Via Sistina a Roma, oltre un centinaio di ospiti  e molti volti noti hanno accolto con entusiasmo le nuove tendenze per il matrimonio: l’eco-chic-wedding proposto dalla Wedding Planner Alessandra Puglisi.

Fibra di mais per l’abito bianco, carta riciclata per gli inviti, design di re-use per il banchetto. In generale, riduzione di consumo e inquinamento per l’eco chic wedding, il matrimonio ecologico che non rinuncia al glamour, la nuova filosofia slow declinata per il giorno più bello.

Un genere che avrebbe potuto far fare un figurone mondiale a William e Kate se ci avessero pensato per le loro nozze del secolo. Persino fedi in oro riciclato e diamanti no-conflict (non provenienti da zone di guerra) per la nuova tendenza presentata  da Alessandra Puglisi, presidente della Dionisia Events, iscritta all’Associazione Italiana Wedding Planners, per offrire una risposta concreta ai migliaia di contatti ricevuti in pochi giorni dopo l’apertura del suo blog (www.dionisiaevents.com) dedicato al matrimonio politically correct, all’insegna della sostenibilità ambientale. Ogni dettaglio delle nozze eco chic é stato pensato nel rispetto della natura. La cena a base di finger food dello chef Umberto Vezzoli, è a base di prodotti biologici e a Km zero, accompagnata da una selezione di vini del territorio. Le wedding cake di Le Dolci Creazioni, sono torte nuziali a base di ingredienti biologici, decorate e servite con salsa calda al cioccolato. Gli abiti da sposa eco chic di Franco Francesca, realizzati in fibra di mais. Gli eco-joux di byLudo, sono pezzi di bigiotteria e arredi per la tavola realizzati dalla giovane designer Ludovica Cirillo, che scompone piccoli strumenti tecnologici e ne stravolge il loro uso per realizzare pezzi unici già apparsi su magazine di tendenza e ospitati da Re(f)use di Ilaria Venturini Fendi. La scenografia floreale de Il Pisello Odoroso Flower Art & Design, di Giancarlo Mastinelli, mescola con libertà e virtuosismo, fiori, bijoux, elementi naturali e materiali di riciclo per inedite creazioni di design. Gli allestimenti per la tavola a cura di Alessandra Fabre Repetto, Tabeau de mariage, creazioni ecologiche che nascono dalla carta, dal rame, dal colore, dalla materia lavorata, riscoperta, inventata in percorsi sempre nuovi.    “Il fenomeno non si limita solo alla moda – spiega Alessandra Puglisi – ma contagia tutti i settori, dalla cosmesi al design, dalle automobili al gusto. La tendenza ecologista nata in America è approdata in Italia qualche anno fa, sinonimo di sobrietà, ma ora è interpretata in chiave glamour”.  Così, l’abito della sposa può essere un vintage, oppure un capo realizzato con tessuti naturali e finiture esclusive per un look che spazia del classico al contemporaneo. Il make up sposa si realizza con prodotti di bellezza organici ed esclusivi. Il menù del pranzo si basa su prodotti del territorio biologici e stagionali preparati secondo i dettami dello slow food e interpretati in modo creativo. Le bomboniere vengono create con prodotti naturali, come un bulbo di fiore da travasare o una pianta che l’invitato potrà tenere in giardino. Un bel ricordo che vive e produce ossigeno. Gli addobbi floreali, con fiori locali come peonie, violette, rose provenienti da coltivazioni biologiche.  Per il ricevimento viene proposto un luogo non lontano dalla chiesa, evitando agli ospiti lunghi e scomodi spostamenti. Originali location il tram-ristorante d’epoca o il veliero che può ospitare fino a 150 persone. Proposto anche il wedding pic-nic nel parco con postazioni impreziosite da piccole composizioni floreali stile shabby-chic, tableau e un cestino contenente pietanze preparate rigorosamente con cibi biologici.

L’attenta guida e la scrupolosa comunicazione dell’evento curata da Emilio Sturla Furnò hanno completato il successo della manifestazione.